Caffè discriminatori

Gesticolava fortemente con le sue manone, qua e là, come con due grandi bandiere. Una dialettica formidabile. Grandi labbra e barba incolta brandita con fierezza. Il caffè intanto si raffreddava e la gente entrava a fiumi nel bar. Io continuavo a stare in silenzio, un po’ indifferente e un po’ irritato.
-Non c’è niente da dire. Che non si lamentino le donne se poi i mariti impazziscono e li fanno fuori-.

Lo guardai incredulo. Il sopracciglio si inarcò spontaneo. Non gli sputai in viso il caffè che avevo in bocca perché sarebbe stato uno spreco, e comunque non era più abbastanza bollente da fargli male.

Annunci

1 commento su “Caffè discriminatori”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...