Archivi tag: labbra

un caffè senza parole

Entrai nel bar con disinvoltura come al solito, anche se quel giorno mi pesava come aprire una porta blindata. La donna dietro la cassa continuò, ignorandomi, a pulire con dedizione il suo bancone già splendete. Probabilmente non aveva molto altro da fare.
Mi appoggiai con i gomiti sul bancone e mi persi automaticamente tra i pensieri. Lei non batté ciglio, si girò verso la macchinetta del caffè e posizionò una tazzina sotto il beccuccio di metallo.
Io non dissi niente. Mi sembrava così naturale che una qualsiasi persona vedendomi, senza dire nulla, avrebbe messo su un caffè.
Me lo servì poi con naturalezza e io lo presi tra le labbra con altrettanta naturalezza. Il caffè era buono. Gustoso.
-Lo sapevo- intervenne lei mentre continuava a pulire frenetica il suo bancone.
-Cosa?- risposi io anche un po’ infastidito.
-Che non bevevi il caffè. E penso che non bevi molto altro…-.
-E questo come fa a saperlo?- continuai mentre anche io ritornavo sulla mia tazzina.
-Si vede..-.
Non risposi sta volta. Finì il caffè e lasciatole un euro sul bancone uscì dal bar con le mani in tasca.
-..si vede dalle labbra e dagli occhi. Troppo scuri-.
Concluse mentre chiudevo la porta alle mie spalle

Annunci

Un caffè a J., prego.

Ed anche quel giorno misi il punto ad un altro post. Tolsi lentamente gli occhiali dal viso e mi stropicciai gli occhi. Abbassai la musica e stirai la schiena. Mi sentivo pieno. Soddisfatto di aver finito un altro post. Soddisfatto di aver tirato fuori da me qualcos’altro.
Mi diressi verso la cucina e sistemai la mia moka come la mia donna. Quando fischiò presi due tazzine e le poggiai sul tavolo.
-Ed un caffè per me c’è?-.
-Ho sistemato due tazzine appositamente- continuai io mentre continuavo verso il mio caffè.
Lei si sedette alla sedia accavallando le gambe e guardandomi con gli occhi grandi.
-Mi son piaciuti molto i tuoi blog. Li ho letti con attenzione-.
-Ti ringrazio. Anche il tuo è molto intrigante-.
Arrivai in cucina e le versai il caffè nella tazzina. Poi versai il mio e sedendomi portai la tazzina alle labbra. Avido.
-Visto? Il caffè promesso è arrivato- intervenni io.
Lei sorrise e poi poggiò il suo rossetto rosso sul bordo.
-Ti ringrazio-. Sembrò apprezzare e una goccia marrone le rimase impigliata sul bordo.
Esitai,
-Era abbastanza dolce?-.
Posò un dito sulla goccia per levarla via.
-Non molto- mi rispose.
-Colpa delle tue labbra- conclusi io. -Troppo dolci anche per un cucchiaino e un po’-.

Caffè tra le labbra

Entrai nel bar pieno di confusione. Chiacchiere poco importanti qua e là: calcio, crisi, politici. Classico.
Ma i miei occhi erano fissi su di lei. I suoi capelli biondi, fluenti, splendevano come fili dorati e seguivano la linea perfetta della sua schiena. Mi avvicinai a passi lenti, mentre l’odore di caffè cominciò a impossessarsi del mio naso. Odore forte di caffè, misto al suo Loverdose.
-Ehi ciao, vuoi un caffè?- mi chiese sorridendo. La guardai e come se mi avvicinassi sempre di più ad uno specchio per guardare meglio, mi incollai alle sue labbra. Sapore di caffè.
-Grazie l’ho appena preso-.